Progetto “Purgatorio ad Arco: un Arco sul Territorio”

Durata: maggio 2012 – aprile 2014

Il progetto “Purgatorio ad Arco: un Arco sul territorio” prevede la valorizzazione del Complesso Museale della Chiesa di Santa Maria delle Anime Purgatorio ad Arco (di cui fanno parte la Chiesa, l’Ipogeo, il Museo e l'Archivio Storico), e il rafforzamento del valore sociale di una realtà che da quattro secoli opera in assistenza, beneficenza e sostegno, anche medico – sanitario, in favore di famiglie disagiate.

 

 

Il progetto rientra tra le 10 iniziative “esemplari” selezionate e sostenute da Fondazione CON IL SUD attraverso il Bando Storico-Artistico e Culturale 2011 volto al rafforzamento del legame tra beni comuni e identità territoriale nelle regioni del Mezzogiorno.

 L’Opera Pia Purgatorio ad Arco – O.N.L.U.S. è l’Ente proprietario dell’intero Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco nonché dell’ambulatorio diagnostico polispecialistico, che ha sede all’interno della struttura ed è gestito in regime di volontariato dall’associazione L’Arcipelago O.N.L.U.S.

Il Complesso è a Napoli, in Via dei Tribunali, nel cuore del centro antico della città.

Nella Chiesa, tutt’ora aperta al culto, sin dalla sua fondazione e da secoli, si alternano le vicende dei vivi e dei morti. Nacque e fu fondata infatti con il preciso scopo di celebrare messe in suffragio delle anime del Purgatorio. Nell’Ipogeo, la Terra Santa fu eletta luogo di sepoltura di cui oggi rimangono preziosissime testimonianze e reperti antropologici.

Simbolo del Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco è un teschio alato, straordinaria opera dellos cultore Dionisio Lazzari collocato alle spalle dell’Altare Maggiore. L'immagine del teschio è un elemento ricorrente negli spazi sia interni che esterni della Chiesa, motivo per il quale la Chiesa è identificata da molti come la Chiesa delle “cape di morto”.

 In questi luoghi sacri, patrimonio artistico, fede e credenze popolari da secoli si intrecciano indissolubilmente.

Gli Obiettivi

Le finalità del Progetto “Purgatorio ad Arco: un Arco sul Territorio” sono due:questa

  • La valorizzazione della Chiesa e del Complesso Museale – attraverso opere di manutenzione del bene e del suo straordinario contenuto, la realizzazione di mostre, spettacoli teatrali e concerti.

  • Il rafforzamento del valore sociale di questa composita realtà e del legame tra questo luogo e il senso di identità e di appartenenza dei cittadini attraverso laboratori, esperienze creative, azioni di ricerca nonché attività volte allo sviluppo turistico-culturale del quartiere, anche a fini occupazionali.

Si intende così interpretare in modo sempre più dinamico la relazione tra la Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco e del Complesso Museale tutto, e il territorio, con la volontà di sperimentare una valorizzazione partecipata, operata in sinergia con quanti vivono i l territorio circostante.

Da qui la scelta del logo che caratterizza il progetto, un arco che tende verso il quartiere e che cerca una base nelle persone che lo vivono.

Le Azioni

teschi La valorizzazione a fini turistico-culturali prevede:

Il processo di inclusione sociale, basato sul coinvolgimento attivo della popolazione del quartiere, è realizzato invece attraverso:

  • la raccolta di testimonianze e memorie del quartiere, finalizzata alla realizzazione di un video-documentario che racconti il culto delle anime pezzentelle e come questo è stato ed è ancora vissuto dal popolo, e alla redazione di un testo drammaturgico;bimbi

  • i laboratori di inclusione sociale svolti nelle ore pomeridiane, da ottobre ad aprile per entrambe le annualità, che partiranno da metà ottobre 2012 e coinvolgeranno circa 80 persone, tra bambini ed adulti:

               – musica per bambini

               – musicoterapia

               – teatro per adulti

               – teatro per bambini

               – canto corale

  • la realizzazione di uno spettacolo finale anche con la partecipazione degli allievi dei laboratori attivati nell’ambito del progetto.

La Partnership

Il progetto, possibile grazie al sostegno di Fondazione CON IL SUD, è realizzato in forma partecipata da una rete partenariale che coinvolge soggetti del terzo settore radicati sul territorio.

Il rafforzamento del senso di identità e di appartenenza della comunità locale comincia proprio con il processo aggregativo della partnership del progetto, sperimentando un percorso condiviso per il raggiungimento di obiettivi comuni.

Clicca qui per conoscere tutte le anime del progetto "Purgatorio ad Arco: un Arco sul Territorio": operatori e volontari, veri protagonisti del progetto insieme ai destinatari, che quotidianamente, mattone su mattone, costruiscono l'Arco sul Territorio, il simbolo del processo di valorizzazione partecipata avviato nel maggio 2012.

Opera Pia Purgatorio ad Arco – O.N.L.U.S.

soggetto capofila

L’Opera Pia Purgatorio ad Arco – O.N.L.U.S. è l’Ente proprietario dell’intero Complesso Museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco nonché dell’ambulatorio diagnostico polispecialistico, che ha sede all’interno della struttura ed è gestito in regime di volontariato dall’associazione L’Arcipelago O.N.L.U.S.

Da quattro secoli opera in assistenza, beneficenza e sostegno, anche medico-sanitario in favore di famiglie disagiate. Oltre ad essere una delle poche Opere Pie ancora esistenti, ha mantenuto fede agli scopi che i fondatori si erano prefissati: soccorso agli ammalati ed ai bisognosi e opere a suffragio delle anime del Purgatorio con celebrazione di Sante Messe sia nella Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco che, all’epoca, anche nell’Ipogeo.

Associazione Progetto Museo

 L’Associazione Progetto Museo è un gruppo formato da storici dell’arte esperti in progetti di valorizzazione e promozione di Beni Culturali. Nata nel 1998, fondendo le esperienze dei membri delle principali associazioni attive sul territorio napoletano sin dagli anni Ottanta, l’associazione Progetto Museo ha curato le attività didattiche della Soprintendenza per i Beni Artistici e storici e, dal 2000, è consulente della stessa Soprintendenza e collabora stabilmente con l’Ati Musis aggiudicataria dei servizi aggiuntivi presso la stessa Soprintendenza (oggi Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano) per cui cura tutte le tipologie di attività didattiche per i 5 musei del Polo Museale Napoletano.

E’ referente per attività e produzione di materiale didattico e promozionale della Soprintendenza per i Beni Ambientali Architettonici e collabora con il Comune di Napoli (Assessorato al Turismo, Assessorato alla Politiche sociali) per progetti di consulenza, di educazione al patrimonio rivolto alle scuole di ogni ordine e grado e di promozione culturale e turistica. In seguito a convenzione dal 2001, cura l’apertura e la promozione del Museo del complesso monumentale di Santa Maria del Purgatorio ad Arco. Dal 2003 cura l’accoglienza e le relazioni con la scuola per lo svolgimento di progetti didattici per il Pio Monte della Misericordia. L’Associazione tramite convenzioni forma stagisti delle Università degli Studi di Napoli Federico II (corso di laurea in Amministrazione dei Beni Culturali), e l’Orientale (Facoltà di Lettere e Lingue).

Associazione Amici degli Archivi – O.N.L.U.S.

L’Associazione Amici degli Archivi Onlus, istituita nel 2000, ha come scopo la tutela e la valorizzazione dei Beni Culturali, librari, artistici e architettonici di proprietà privata, con un’azione che tenda soprattutto alla conservazione del bene. L’Associazione presta la propria opera gratuita per i progetti di riordinamento degli archivi in particolare e dei beni culturali in generale ed alla formazione di giovani che ne possano garantire anche la giusta valorizzazione. Tra le numerose convenzioni stipulate con vari enti e persone per il conseguimento di detto scopo, si annovera quella con l’Opera Pia Purgatorio ad Arco ONLUS, che ospita anche la sede operativa dell’Associazione, per il riordinamento e la valorizzazione dell’Archivio Storico dell’Ente L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

 Associazione La Bottega del Liocorno – O.N.L.U.S.

La Bottega del Liocorno ONLUS é un’associazione fondata nel 1980 da Dario Aquilina, psicologo e psicoterapeuta, a Napoli. A partire dalla sua fondazione, l’associazione ha svolto e svolge attività nel campo sociale e culturale con operazioni rivolte a bambini, adolescenti ed adulti. Dopo una lunga esperienza caratterizzata da interventi realizzati in diversi enti e scuole delle Campania e d’Italia, l’associazione si avvale oggi di una fruttifera partecipazione a diversi progetti promossi dal Comune di Napoli e dalla Comunità Europea, quali No Man’s Land, Musinbà, progetto Arcobaleno, Baby Care; della partecipazione a diversi eventi quali Maggio dei Monumenti, Strit Festival, Mezzanotte Nei Parchi; e della collaborazione con enti nazionali ed internazionali quali il Centro Starigrad e l’Erg Status Theatre di Belgrado, il Teatro Pozitiv di Lubiana, la Villette ed il Pompidou di Parigi, Arcan (Burkina Faso- Africa).

Associazione Culturale Marina Commedia

La compagnia Marina Commedia si costituisce ufficialmente nel 2006 formalizzando una progettualità ed una cooperazione, con l’intento di radicare sul territorio flegreo e a partire da questo, un’operatività artistica che abbia, al suo centro, il fare teatrale come opera di “scavo e conservazione” di una memoria collettiva e popolare, nel suo intendimento più autentico e vivo: fonte di senso e chiave di lettura del presente. Il lavoro della compagnia ha come suo centro naturale la drammaturgia dell’autore Mimmo Borrelli (pluripremiato artista, considerato il più grande drammaturgo italiano del momento): muovendosi da questo fulcro vocazionale, il gruppo, protende verso un’azione culturale che realizzi ricerca antropologica e trasformazione dell’oralità, studio delle radici espressive e invenzione originaria, creazione e pedagogia della scena.

Associazione culturale no profit ISFOM (Istituto formazione musicoterapia)

Fondata da G. Di Franco e D. Facchini, l’Isfom, Istituto formazione Musicoterapia di Napoli, scuola leader nel sud Italia, si avvale della collaborazione di un corpo docenti di prim’ordine nel campo della Musicoterapia, con personalità di fama internazionale. E’ tra i più qualificati istituti: da 22 anni gestisce rapporti di collaborazione e interscambio con atenei, conservatori, enti e strutture socio-sanitarie, ha diplomato e avviato concretamente al lavoro centinaia di musicoterapisti.

 

 

 

 

 

Comments are closed.